StampaCalendario Campi estivi con gli asini 2017

Compagnia dei Cammini

organizza:

Dall'Appennino al mare campo estivo itinerante

Dall’Appennino al mare con gli asini 
Campo estivo itinerante Civago – Marinella di Sarzana: una bellissima esperienza di cammino monti-mare


da sabato 29 luglio a domenica 6 agosto 2017

Le vecchie vie storiche, che fanno dell’Appennino un luogo di transito obbligato, ancora oggi sono lì a testimoniare il passaggio di popoli e genti. Il percorso attraversa l'Appennino emiliano nella sua parte più ricca di storia.

I viandanti di un tempo antico attraversavano queste terre, carichi di merci con asini e muli al fianco, per approdare laggiù nell'azzurro orizzonte dei loro commerci.

Queste vie sono quelle che ancora oggi si possono percorrere. Con l'asino, proprio come allora. Antiche mulattiere, torri merlate, fortezze in irte colline a punteggiare un paesaggio che cambia a ogni tappa. Un territorio gentile dai colli segnati dal sole e dalle tonalità grigie dei calanchi per raggiungere la parte alta delle terre di confine.

Poi la discesa fino alle spiagge dorate di sole.

L’Appennino emiliano con le sue tradizioni agricole, i crinali lunghi, la catena di spartiacque che si distingue per le vette irte, le tracce memorabili di ghiacciai e laghi in ricordo di un tempo passato.

La Lunigiana costellata da paesi che paiono sospesi e le terre di confine le cui frontiere sono dettate dalla storia della civiltà del commercio.

E laggiù, laggiù il lungo e infinito nastro azzurro che confonde le linee del cielo con la spuma delle onde.

Tutto questo a piedi, con l’asino compagno che insieme a noi ci farà raggiungere l’emozione di calpestare la sabbia, con i nostri scarponi che porteranno argilla dal cammino, per un'osmosi geologica che cambia il colore della spiaggia. I viaggi della Compagnia dei Bambini sono viaggi a piedi pensati per famiglie con bambini e per bambini/ragazzi senza genitori.

Questo viaggio è organizzato con gli asinelli e condotto da Massimo Montanari, magico asinaro poeta che sa parlare il linguaggio dei bambini quando li accompagna sui sentieri.

Massimo sa come trasformare un viaggio a piedi in un’esperienza indimenticabile, come dice lui "un andare avanti dove il camminare è un crescere, dove il passo lento a fianco dell’asino amico è un esplorare i cieli della narrativa del paesaggio, dove il linguaggio delle immagini si mischia all’avventura dell’assaporare le radici di una terra bagnata dall’acqua e di un cielo lì a portata di braccio…"
Per maggiori dettagli potete visitare il sito della Compagnia dei Bambini.

 

Programma

Sabato 29 Civago – Rif. Bargetana. Dislivello in salita 550 m, lunghezza km 10.

Il suggestivo sentiero della Valle del Dolo incastonato tra i crinali appenninici nel cuore del Parco nazionale dell’Appennino tosco emiliano. Le faggete secolari e la salita a ridosso dello sperone del Monte Vecchio fino a raggiungere l’altopiano tra i mirtilleti in un panorama mozzafiato. Cena e pernottamento in rifugio.

 

Domenica 30 Rif. Bargetana – Passo Pradarena.

Dislivello in salita 550 m, lunghezza km 14.

Altra tappa panoramica che dal Passo di Lama Lite attraversa la parte più alta lambendo vette che oltrepassano i 2.000 m, continua su comode carreggiate e raggiunge comodamente le faggete del Lago Capriolo.

Uscendo dalla vegetazione passa a ridosso del Crinale delle Porraie. Speroni rocciosi e praterie si alternano in continuazione.

Pernottamento in tenda e cena fornita dal ristorante Carpe Diem (il ristorante dispone di un appartamento con 14 posti letto).

 

Lunedì 31 Passo Pradarena – Sassalbo.

Dislivello in salita 300 m, lunghezza km 14. In un ambiente incontaminato si scende nella valle del torrente Torbido dalle acqua bianche che dilavano i gessi del triassico, si sale al sistema dei laghi cerretani con le piante carnivore galleggianti e raggiunto il passo omonimo si scende per l’antica mulattiera sul sentiero dei geoditi a Sassalbo.

Pernottamento selvatico nel campo sportivo di Sassalbo con cena fornita dall’organizzazione.

Non ci sono servizi.

C’è il suggestivo torrente Rosaro nelle cui belle pozze limpide ci si può lavare.

 

Martedì 1 Sassalbo – Comano.

Dislivello in salita 300 m, lunghezza km 10.

La Lunigiana in odor di olivo e aria salmastra in un cammino dove i pendii e i panorami cambiano decisamente. Le valli sottostanti si aprono e si cammina dolcemente cullati dal vento caldo del mare.

Tappa con ampie discese comode.

Pernottamento in tenda, cena presso struttura.

 

 

Mercoledì 2 Comano – Pontebosio.

Dislivello in salita 50 m, lunghezza km 12.

Tappa rilassante in leggera discesa, lungo la valle del torrente Taverone con ottimi luoghi appartati per fare il bagno, la seconda parte più selvaggia ripercorre zone disabitate ma al contempo con ricchi segni dell’uomo tra castagneti e vecchie coltivazioni.

Si raggiunge il bel borgo di Licciana Nardi attraversando la cinta murata e si raggiunge la piana di Pontebosio dove all’ombra del vecchio castello c'è l’agriturismo che ci ospita.

 

Giovedì 3 Pontebosio – Ponzanello.

Dislivello in salita 500 m, lunghezza 12 km. Le colline di Aulla e gli ultimi boschi della Lunigiana, un aspetto diverso in ogni momento dove olivi e frutteti si alternano a tratti di macchia mediterranea e i piccoli borghi sono di vedetta a crinali leggeri e pianure incastrate tra i fiumi. Percorso vario in saliscendi con bagno nel torrente Bardine.

Salita finale nei pressi di Ponzanello, borgo fortificato ubicato in posizione spettacolare. Pernottamento selvatico nell’oliveto con possibilità di usufruire di un b&b per i servizi.

 

Venerdì 4 Ponzanello – Borgo della Colomba.

Dislivello in salita 250 m, lunghezza 8 km.

Ultimo scollinamento tra i boschi prima della discesa nella conca del Calcandola, piccolo corso d’acqua che bagna la Valle di Giucano. Si attraversano paesini già in odor di Liguria con i tipici carruggi e si raggiunge il bel Borgo della Colomba per un pomeriggio relax in piscina.

 

 

Sabato 5 Sabato  Borgo della Colomba – Maneggio due Laghi .

Dislivello in salita 100 m, lunghezza 10 km. Tappa che scende nella valle del torrente calcandola ed entra in Sarzana, attraversando la suggestiva cittadina ligure ricca di scorci pittoreschi.

Oltrepassato il centro urbano l'itinerario svolta verso il fiume Magra e percorrendo le aree ripariali raggiunge un area naturalistica silenziosa a dominio del promontorio di Montemarcello.

Pernottamento nelle aree interne del maneggio tra cavalli e bufali

 

 

Domenica 6 Domenica 6 Maneggio due Laghi -Marinella di Sarzana (Mare)

Tappa finale tutta in pianura, con una lunghezza di circa 8 km Il percorso si itinera sulle sponde del fiume Magra nel parco fluviale, e raggiunge il mare nei pressi di Fiumaretta-Marinella.

 

Arriveremo al mare verso le ore 12. Il luogo di ritrovo per il recupero dei partecipanti è nei pressi dell'area Camper di Marinella di fronte alla spiaggia pubblica comunale (vedrete il trailer Trasporto asini con scritto "asineria viaggiante" e la bandiera della Compagnia dei Cammini.

 

Vi aspettiamo per il bagno finale insieme e per un pranzo di saluto


Note

 

Pasti sono forniti dai posti tappa che sono stati scelti tra le strutture che meglio convergono su una tipologia gastronomica affine alla filosofia del cammino; i sapori semplici dell'Appennino e le tipologie alimentari di una terra che unisce le radici culinarie di tre regioni (Emilia, Toscana e Liguria) e che spesso le mescola in un unico pentolone di sapori.

 

Notti in tenda con l’appoggio di strutture Logistica Il viaggio Appennino-Mare è piuttosto spartano poiché i campi notturni con le tende sono ubicati a ridosso delle strutture. Le strutture che forniscono i servizi dispongono di bagni e docce con l’acqua calda.

 

La doccia viene effettuata a turno.

 

Nella terza tappa, a Sassalbo, non vi sono strutture d’appoggio.

 

L’acqua per lavarsi è quella del fiume. Nella sesta tappa, a Ponzanello, siamo assistiti da un B&B, che in caso di pioggia ci accoglie. Tuttavia il B&B dispone solo di 8 posti letto.

 

 

Sapori tipici

insalata di farro, erbazzone (torta salata di Reggio Emilia), lasagne verdi con bietole, tortelli d'erba, formaggi di mucca degli alpeggi d'Appennino, testaroli della Lunigiana, sgabej (simile allo gnocco fritto emiliano)

Altre Info

Prezzo: Tipo di viaggio Itinerante con zaino leggero Quota Primo bambino: € 260 Secondo bambino: € 190 Terzo bambino: € 120

(comprende guida, organizzazione, asini al seguito forniti di basti, cibo e trasporto degli asini) Altre spese previste